La cura del movimento è alla base della nostra salute

di Daniel Wolpert

Perché noi e altri animali abbiamo un cervello? Non tutte le specie sul pianeta hanno un cervello, quindi se vogliamo capire a cosa serve un cervello, cerchiamo di pensare al perché il nostro si è evoluto.

 daniel wolpert

 

Credere o immaginare che si sia evoluto per pensare o percepire il mondo è sbagliato. Abbiamo un cervello per produrre movimenti complessi ed adattabili. Il movimento è l’unico modo di influenzare il mondo intorno a noi e tutto passa attraverso la contrazione dei muscoli. È importante ricordare che i processi sensoriali, mnemonici e cognitivi sono sì importanti, ma sono importanti solo per guidare o sopprimere futuri movimenti. Non ci può essere nessun vantaggio evolutivo nel sopprimere ricordi o percepire il colore di una rosa se non influisce sul modo in cui ci muoveremo più avanti nella vita. Queste percezioni sensoriali rappresentano il “rumore”, ovvero informazioni variabili che il nostro cervello elabora così da modificare la pianificazione del movimento stesso. Secondo Daniel Wolpert l’idea fondamentale che governa l’essere umano è quella di pianificare i movimenti allo scopo di minimizzare le conseguenze negative del “rumore” e quindi riprodurre un buon movimento. Allora perché il movimento ci risulta molto simile tra diverse persone? Pensiamo a quello che succede veramente: magari non ci muoviamo tutti nello stesso modo; magari c’è qualche differenza nella popolazione; forse coloro che si muovono meglio di altri hanno più possibilità di mandare avanti la propria prole nella generazione successiva. Quindi sulla scala dell’evoluzione i movimenti migliorano. E, forse, nella vita è possibile imparare a migliorare i movimenti.

Leggi l'articolo completo su ted.com

Il Team Atlas, costituito da chiropratici, fisioterapisti e personal trainer, crede fortemente nel lavoro di squadra per offrire ai propri clienti una visione olistica per qualsiasi necessità di salute.