Perché alcuni di noi trovano l'esercizio più pesante di altri?

di Emily Balcetis

Secondo la psicologa la vista è il senso più importante e prioritario che abbiamo. Costantemente guardiamo il mondo che ci circonda e istantaneamente identifichiamo e diamo un significato a quello che vediamo.

 emily balcetis

 

Tuttavia se diverse persone guardano uno stesso oggetto sappiamo che ognuno di esse percepirà l’oggetto in maniera differente dagli altri poiché quello che vediamo è sempre filtrato dagli occhi della mente. Questo accade perché fisiologicamente i nostri occhi riescono ad immagazzinare informazioni dettagliate di un aria relativamente piccola di pochi centimetri. Tutto il resto è un’area offuscata che viene colmata dalla nostra percezione soggettiva e quindi dalla nostra mente. Questa consapevolezza porta a studiare la logica secondo cui alcune persone percepiscono l’esercizio fisico finalizzato al mantenimento del peso forma come oneroso ed altre no. E’ stato preso in esame un gruppo di persone suddiviso in due grandi categorie basate sul rapporto tra circonferenza fianchi e circonferenza anche (fit e unfit). E’ stato visto che a fronte di un esercizio fisico che consisteva nel percorrere una distanza prestabilita con un peso aggiuntivo, le persone della categoria unfit stimavano che la distanza da percorrere fosse maggiore rispetto alla distanza reale, mentre la categoria fit stimava una distanza minore. Questi risultati hanno condotto ad uno studio successivo volto a comprendere se le persone con una forte motivazione nell’allenarsi potessero percepire la distanza al traguardo minore rispetto alle persone con una motivazione debole. E così è stato. L’obiettivo è dunque diventato quello di trovare una strategia per modificare la percezione della distanza, così da rendere l’esercizio più semplice . La ricerca scientifica identifica lo slogan “tieni l’occhio sul premio” come esempio di strategia visiva per cambiare la percezione dell’esercizio da svolgere: il chiedere ai soggetti esaminati di concentrarsi sul traguardo senza farsi distrarre dall’ambiente intorno semplifica il compito facendo percepire la distanza del tragitto da compiere più breve della realtà. Quindi:”keep the eye on the prize”!

Leggi l'articolo completo su ted.com

Il Team Atlas, costituito da chiropratici, fisioterapisti e personal trainer, crede fortemente nel lavoro di squadra per offrire ai propri clienti una visione olistica per qualsiasi necessità di salute.